0571 489255 | 0571 479048
·
Lun - Ven 09:00-12:30 | 15:00-18:30
Area Riservata

Quest’anno, il panorama dei bonus Partite Iva ha subito diverse modifiche non sempre ben accette: lavoratori autonomi, liberi professionisti e imprese individuali hanno infatti assistito alla cessazione di alcune agevolazioni fiscali. Tuttavia, non è tutto negativo: alcuni bonus sono stati estesi anche per il 2024 e sono state introdotte nuove misure di sostegno. Scopriamole insieme.

 

Bonus Partite IVA: contributi a fondo perduto e agevolazioni

Parlando di bonus partite IVA, prima di tutto, vanno menzionati i supporti finalizzati a favorire l’avvio o l’espansione delle attività imprenditoriali. In particolare, si evidenziano i contributi a fondo perduto e le agevolazioni specifiche. Ecco i principali.

 

Resto al Sud

Il bonus Resto al Sud di Invitalia è un incentivo ideato per sostenere gli individui dai 18 ai 55 anni che gestiscono o desiderano iniziare un’attività imprenditoriale o una professione autonoma in specifiche aree geografiche italiane, che però non includono il nostro territorio. Viene infatti erogato ad imprese o liberi professionisti ubicati in: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia; nelle zone del Centro Italia colpite dal terremoto come il Lazio, le Marche e l’Umbria; nelle isole marine, lagunari e lacustri del Centro-Nord.

 

On – Oltre nuove imprese a tasso zero

On – Oltre nuove imprese a tasso zero, bonus partite IVA sempre di Invitalia, è invece valido a livello nazionale, per supportare la creazione e lo sviluppo di micro e piccole imprese composte per almeno il 51% da lavoratori di età compresa tra i 18 e i 35 anni o da donne di qualsiasi età. In questa iniziativa, le agevolazioni si concretizzano in un finanziamento a tasso zero, estendibile fino a dieci anni, accompagnato da un contributo a fondo perduto che può coprire fino al 90% dei costi ammissibili delineati nel piano di investimento dell’impresa. Il piano deve essere implementato entro ventiquattro mesi dalla firma del contratto di finanziamento.

 

ISCRO

Per i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione Separata, è stata estesa la cosiddetta ISCRO (indennità straordinaria di continuità reddituale operativa), che prevede un aiuto finanziario per un periodo di sei mesi. Per accedere a questa indennità, è necessario soddisfare e mantenere i seguenti requisiti:

  • Avere una Partita Iva attiva da almeno tre anni al momento della richiesta;
  • Essere in regola con i contributi previdenziali obbligatori;
  • Non ricevere l’assegno di inclusione;
  • Non avere pensioni dirette né essere iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria;
  • Avere registrato nell’anno precedente alla domanda un reddito da lavoro autonomo inferiore al 70% della media dei redditi degli ultimi due anni;
  • Non aver dichiarato un reddito da lavoro autonomo superiore a 12.000 euro nell’anno precedente la domanda.

Il contributo consiste nel 25% della media dei redditi da lavoro autonomo degli ultimi due anni, calcolato su base semestrale. Tuttavia, l’importo del contributo non sarà inferiore a 250 euro al mese né superiore a 800 euro al mese.

 

Assegno di inclusione (Adi)

Inoltre, vi è l’Assegno di inclusione (Adi), una nuova forma di sostegno economico che ha preso il posto del Reddito di cittadinanza. Questo beneficio è destinato a nuclei familiari in condizioni di fragilità, ovvero famiglie che includono almeno un membro con disabilità, un minorenne, una persona di almeno sessanta anni o individui in condizioni di svantaggio partecipanti a programmi di cura certificati dai servizi sociosanitari territoriali.

 

Misure Territoriali

Esistono poi le misure legate al territorio come quelle implementate dal Sistema Camerale, al fine di supportare Imprese, i Privati Cittadini o Altri Soggetti (associazioni, fondazioni, enti pubblici, professionisti, etc.) nell’accesso ai contributi. Il nostro studio si impegna quotidianamente nel loro monitoraggio, così da segnalare l’uscita di bandi e misure adeguate al sostegno dei nostri clienti.

Related Posts

Disclaimer

Non siamo una testata giornalistica.
Gli articoli non possono essere ritenuti una consulenza sui generis.
Non ci riteniamo responsabili di conseguenze derivanti dall’aver posto in essere operazioni o comportamenti sulla base di quanto riportato negli articoli senza aver reso una consulenza specifica al cliente caso per caso.

Contattaci senza impegno

    Le Ultime News

    gestione_tesseramenti
    Gestione dei tesseramenti in una ASD: e se un atleta tesserato decide di cambiare associazione durante la stagione sportiva?
    6 Giugno 2024
    pagamento delle imposte sui redditi
    Pagamento delle imposte sui redditi rateizzato: ecco le nuove scadenze per la Dichiarazione 2024
    17 Maggio 2024
    ets non commerciali
    Ets Commerciali Vs Ets Non Commerciali: incertezza sull’IVA
    13 Maggio 2024