0571 489255 | 0571 479048
·
Lun - Ven 09:00-12:30 | 15:00-18:30
Area Riservata

Attività di ristorazione all’interno di una A.S.D.: come deve essere gestita?

La gestione di un’attività di ristorazione o di un punto ristoro, quale bar o ristorante che sia, all’interno di un’associazione sportiva dilettantistica (A.S.D.) è una realtà frequente e solleva questioni sul trattamento fiscale dei proventi. Tali entrate possono essere classificate come “istituzionali” o “commerciali”? Questa distinzione è cruciale in quanto influenza gli obblighi fiscali e le eventuali agevolazioni applicabili.

Somministrazione vs Ristorazione

Quando si parla di attività di ristorazione in ASD, bisogna prima di tutto operare una distinzione tra le attività di “somministrazione” di alimenti e bevande, che riguardano la distribuzione di cibi confezionati o che richiedono minima preparazione, e quelle di “ristorazione“, che implicano una trasformazione più complessa delle materie prime e un servizio più sofisticato.

Trattamento dei Corrispettivi per un’attività di ristorazione in ASD

Indipendentemente dall’utenza (associati o non), le attività di somministrazione e ristorazione condotte da un’A.S.D. sono generalmente classificate come “commerciali” e quindi soggette a tassazione ai sensi dell’art. 148, co. 4, T.U.I.R. e dell’art. 4, co. 5, d.p.r. 633/1972. Pertanto, l’associazione deve soddisfare gli obblighi legali tipici delle attività commerciali, compresa la possibile assunzione di lavoratori dipendenti e l’iscrizione alla CCIAA.

Eccezioni alla regola e agevolazioni: quali i requisiti

Ci sono alcune eccezioni a questa regola. Ad esempio, per le associazioni di promozione sociale (aps) riconosciute, la somministrazione di alimenti e bevande non è considerata commerciale se svolta in linea con gli scopi istituzionali (art. 148, co. 5, T.U.I.R. e art. 4, co. 6, d.p.r. 633/1972). Inoltre, secondo l’art. 25, co. 2, L. 133/1999, non sono imponibili ai fini delle imposte sul reddito i proventi realizzati da A.S.D. in concomitanza di eventi sportivi fino a un limite di due eventi annui e fino a un massimo di 51.645,69 euro.

Per beneficiare di regimi fiscali favorevoli, un bar o ristorante all’interno di un’A.S.D. deve:

  1. Trovarsi all’interno o nelle immediate vicinanze degli spazi dedicati alle attività statutarie dell’A.S.D.;
  2. Non essere gestiti in maniera completamente autonoma da questa;
  3. Le loro operazioni devono essere strettamente collegate agli scopi istituzionali dell’A.S.D.;
  4. Devono essere previsti dallo Statuto dell’A.S.D. e avere natura strumentale rispetto all’attività sportiva principale;
  5. Devono rispettare il criterio “quantitativo” per essere considerati attività secondarie, come definito dal decreto ministeriale n. 107 del 19 maggio 2021.

Inoltre, la Circolare 18/E/2018 dell’Agenzia delle Entrate e il Codice del Terzo Settore (d.lgs. 117/2017) offrono ulteriori chiarimenti sull’argomento. È essenziale che tali attività non sovvertano la concorrenza di mercato e siano in linea con gli scopi istituzionali dell’ente.

 

Related Posts

Disclaimer

Non siamo una testata giornalistica.
Gli articoli non possono essere ritenuti una consulenza sui generis.
Non ci riteniamo responsabili di conseguenze derivanti dall’aver posto in essere operazioni o comportamenti sulla base di quanto riportato negli articoli senza aver reso una consulenza specifica al cliente caso per caso.

Contattaci senza impegno

    Le Ultime News

    approvazione del bilancio associazioni
    Associazioni: 30 aprile scadenza per approvazione del bilancio
    8 Aprile 2024
    pasqua
    Auguri di Pasqua da tutti noi!
    29 Marzo 2024
    ravvedimento operoso
    Ravvedimento operoso 2024: di cosa si tratta e come funziona?
    27 Marzo 2024